Rezija - Resia

cultura e tradizioni

Raccolta etnografica

NÄŠ MUZEO (2015)

Asočacjun “Muzeo od tih rozajanskih judi” jë bila ǵana gorë lëta 1995 za spravit, porownät anu zdëlat poznät te stare rëči od tih domaćih  judi.
Od itadej së anu šćalë näšnji din dëlu od ise asočacjuni to jë wbranit te stare reči za në zabit, da kaku so živili ninki nur jüdi tu-w Reziji.
Karjë jë šlo zubjanö po potresu, ka jë bil lëta 1976.
Ziz isin dëlon se jë dorivalu spravit karjë nih riči, ka ni so injen na vïdanjë tu-w Muzeo, ka jë ta-za Wurbjaci.
Ito so sprawjane ne 500 riči. Rëči ka so bile šinkane aliböj ka so se dale na posodbo. Wse ise rëči kažajo štorjo anu kultüro od ise dulïne.
Se jë spravilo rëči, ka jüdi so doparili në köj tu-w hïši ma pa imprëšte za dila: tu-w njïvi, tu-w gozdë, tu-w planïni. Wse ise lipe anu wridne rëči so na vïdanjë za në zabit, da kaku jüdi so žïvili tu-w Reziji anu za pokazat wsë išo tin mladin anu otrucën.

RACCOLTA ETNOGRAFICA (2015)

Tra le attività statutarie dell’Associazione culturale “Museo della Gente dalla Val Resia” vi è la raccolta, la conservazione e la valorizzazione dei materiali di interesse demoetnoantropologico reperiti dalla stessa a partire dalla sua costituzione.
Infatti, dal 1995, l’Associazione ha approntato un’attenta analisi e un peculiare controllo sul territorio (tuttora in corso) per cercare di salvare e conservare gli oggetti dell’arte tradizionale giudicati adatti allo scopo prefissato ovvero quello di preservare dalla dispersione la memoria storica della vallata fortemente colpita dai sismi del 1976.
Il risultato di questa ricerca etnologica è la collezione visibile presso la raccolta museale permanente “Näš Muzeo”, che oggi conserva all’incirca 500 oggetti, che si è formata in gran parte grazie alla sensibilità di privati cittadini di Resia attraverso doni, depositi o lasciti, ed è costituita da manufatti che testimoniano la storia e la cultura del territorio.
Oltre agli oggetti tipici di alcuni ambienti domestici come la cucina e la camera; si sono potute cosi costituire sezioni specifiche dedicate dagli attrezzi dell’artigianato a quelli della vita pastorale e alla tessitura.
Questi manufatti sono funzionali a far e conoscere, specialmente alle giovani generazioni, la storia della vallata e le sue forme della vita tradizionale, con particolare riferimento alla cultura locale.

Nas Muzeo 2015

INDIRIZZO: Via Prato 61, 33010 Bila / San Giorgio Resia (Udine)
ORARIO DI APERTURA: Mese di agosto ogni giorno dalle 10.00 alle 12.00 – dalle 14.00 alle 17.00. Nel restante periodo dell’anno su richiesta (tel. 338 2273613 – 338 2583005).
E-mail: muzej@rezija.com

INFOPOINT / INFOTOČKA (2015)

PROGETTO EUROPEO ITALIA-SLOVENIA ZBORZBIRK Kulturna dediščina v zbirkah med Alpami in Krasom. L’eredità culturale nelle collezioni fra Alpi e Carso. 

Sabato 28 marzo 2015 è stato aperto, presso la raccolta museale, l’Infopoint del progetto europeo ZborZbirk Italia-Slovenija. In occasione di questo evento si è svolta anche la presentazione del libro “Fiabe resiane Rezijanske pravljice Pravice po rozajanskin” raccolte da Milko Matičetov e Roberto Dapit. La sede dispone anche dei seguenti volumi editi nell’ambito dello stesso progetto:

  • Atti del convegno “Le collezioni uniscono / Zbirke povezujejo – Collezioni etnologiche, Tradizione orale e turismo culturale fra le Alpi ed il Carso Etnološke zbirke, ustno izročilo in kulturni turizem med Alpami in Krasom” a cura di / uredili: Roberto Dapit, Barbara Ivančič Kutin e Spela Ledinek Lozej – Università degli Studi di Udine – Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere 2015.

Zbirke povezujejo

  • Kulturna dediščina med Alpami in Krasom. L’eredità culturale fra Alpi e Carso. Vodnik po zbirkah / Guida alle collezioni.

Guida ZborZbirk

  • Pieghevoli di tutte le altre collezioni e musei inseriti nella rete.

Info: zborzbirk.zrc-sazu.si/it-it/notizienews.aspx

KAZANJË (2014) 

BRANIT TE STARE RËČI – BÄNK OD NUVÏČE 

Tu-w Reziji nur noga tïmpa wsaka väs skorë mëla tïšlarja anu isi človëk jë narejal skorë wsö itö, ka jë bilu trëbë mët tu-w dumo anu tu-w planïni. Wsaka hïša jë morala mët tu-w jispi već riči: stole, mïze, tawle, klupe, pulïce anu pa itö ka so doparalu wsaki din tej:  te lësane pïnje, ćavörje/sele, süje, däske za prät anu šćë drügë. Pa tu-w ćanibi jë bilu kej lipaga narëd ziz lëson tej: kove, zibile anu bankavi.
Na vïdanjë jë bilo već sjort bankuw. Ti bojë mali bankavi so bili za žitu, oves, ašpren anu jëjdo, döpö pa za muko. Ti vinči bankavi so bili doparani za doto anu ni so bili pa pofarbani. Isï zadnji, ka to so ežimplinavi za pokazat, da kaku ni nïso namulinani wse par, so na vïdanjë pa za pokazat da kaku sam tïšlar jë dëlal anu ko jë mël trëbe za je naredit. Itaku se mörë vïdët te stare imprëste od tišlarja tej: te male anu te vilïke plane, plane te za moronawat, nabusce, wsake sjort pïl, marse, rašpe, klïšća anu pa škalpele. To jë wžë karjë lit ka näš muzeo sprawja te stare imprëste aliböj orodja po starin za në zabit da kaku so žïvili tu-w Reziji naši jüdi. To šköda nahat da to bodi wsö vijanu, so ma štimät te stare rëči aliböj je dät tu-w muzeo zawöjo ka isï to so naši köranavi, na stujmö ji zabit zajtö ka to so pa spomänj od naših starih.

MOSTRA ETNOGRAFICA (2014)
IL RECUPERO DEGLI ARREDI TRADIZIONALI – IL CASSONE DOTALE 

Presso gli spazi museali dell’Associazione, a San Giorgio di Resia, nel 2014 è stato possibile visitare la  mostra “Il recupero degli arredi tradizionali – Il cassone dotale”.
Gli oggetti protagonisti della mostra etnografica sono stati  i cassoni dotali, mentre lo studio etnologico preparatorio si è concentrato soprattutto sulle tecniche di decorazione degli stessi. Questi cassoni dotali erano, nei secoli passati, i mobili maggiormente diffusi nelle case della Val Resia ed erano ritenuti indispensabili per fondare un nuovo focolare. I cassoni della Val Resia hanno forme e dimensioni diverse. Le tipologie più piccole e semplici, in origine, venivano utilizzate nell’ambiente domestico per conservare  i cereali e le granaglie (più tardi soprattutto la farina sia quella di frumento che quella di granoturco). Le casse più grandi e maggiormente decorate erano destinate a contenere i corredi nuziali e trovavano posto nelle camere da letto.
Questi manufatti di modeste dimensioni hanno, in genere, il fronte, i fianchi ed il coperchio dipinti da uno strato sottile di colore che contribuisce ad impreziosirli. L’uso della pittura nella decorazione del mobile nasce e si sviluppa, come elemento decorativo, con ogni probabilità anche in Val Resia già dal XVI secolo come emerso dallo studio di alcuni atti notarili (soprattutto inventari) di quel periodo.
I mobili dipinti come dimostrano alcuni bozzetti d’archivio ritrovati a Resia costituiscono un filone artistico che, alla fine del XVIII secolo, diventò appannaggio anche degli artigiani locali.

Fig. 1

Bank

Fig. 5

Bank 1

Bankavi Cassoni dotali Skrinje

Altre mostre sul cassone dotale:

Museo Etnografico di Lubiana: http://www.etno-muzej.si/sl/razstave-sem/skrinje-skrinje-skrinjice

NÄŠ MUZEO (1998 – 2014)

Trï lita döpö ka jë bila ǵana gorë asočacjun, lëta 1998, tu-w nin prefabrikato ta-za Wurbjaci, tu-w Bili, jë se nastavilo tö pärvë kazanjë od tih starih riči tu-w Reziji. Proǵët bil ga naredil ing. Marko Jagodic, ka an löpo pranaredil mësta ta-z nutra. Ziz asočacjunjo so pomagali ti mladi slavinski z Tärsta ano z Gurïce ka so bili paršle w Rezijo skuza Mladinski raziskovalni Tabor Rezija ’89. Une wkop ziz timi mladimi tu-w Reziji so dorivali tu-w malu časa nastavit kazanjë. Wsë isö jë wödil Andrej Furlan. 

LA RACCOLTA ETNOGRAFICA (1998 – 2014)

Nel 1998, a tre anni dalla costituzione dell’Associazione, presso una struttura prefabbricata in località ta-za Wurbiaci, a S.Giorgio di Resia, fu allestita la prima raccolta etnografica in Val Resia denominata Näš Muzeo. La progettazione degli interni fu realizzata dall’ing. Marko Jagodic che, con stile semplice, seppe trasformare uno spazio, per certi versi angusto, in un locale accogliente e funzionale. Con l’associazione collaborò il Mladinski Raziskovalni Tabor Rezija ’89/Campo di ricerca Tabor ’89, composto da un gruppo di simpaticissimi e preparati ragazzi sloveni di Trieste e Gorizia. Con loro e con il coinvolgimento di alcuni ragazzi di Resia si riuscì, in brevissimo tempo, ad allestire, su idea di Andrej Furlan, l’esposizione etnografica permanente all’interno del fabbricato.

Foto da sito provincia 2

Associazione Culturale Museo Della Gente Della Val Resia

Via Udine, 12 - 33010 Resia/Rezija (UD)
tel./fax. +39 0433 53428
e-mail: info@rezija.com
P.IVA: 02602880300 - C.F.: 93009830303